Squalo Balena

Squalo Balena: (rhincodontidae) Phylum: Chordata Classe: Chondrichthyes Sottoclasse: Elasmobranchia Ordine: Orectolobiformes Famiglia: Rhincodontidae Genere: Rhincodon Specie: typus

  • SqualoBalena 1
  • SqualoBalena 2
  • SqualoBalena 3
  • SqualoBalena 4

Lo Squalo Balena, unico rappresentante della famiglia dei Rincodontidi è il più grande squalo e pesce esistente, lungo fino a 18 metri e pesante fino a 22 tonnellate. Classificato nel 1828, quando fu localizzato lungo le coste del Sudafrica, venne inserito come unico rappresentante dei Rincodontidi solamente nel 1984, dopo lungo dibattito scientifico. Il Re dei mari, la preda più ambita da tutti i subacquei del mondo intero, fotografi e non, da noi diventa un appuntamento quotidiano durante il periodo di forte presenza di plancton, da fine Ottobre a metà Gennaio. Grazie alla strategica posizione della quale Nosy-Be gode, con l’immensa baia naturale da Majangha a Cap St.Sebastien, le sue acque calme ed il clima stagionale, il risultato è tanto gradito a questo mastodonte d’acqua, del quale così poco sappiamo, del quale così tanto ne restiamo affascinati. Decine di avvistamenti giornalieri, per lo più in superficie mentre, quasi in verticale, è intento a drenare l’acqua per ore, ricavandone il suo nutrimento fatto di plancton, krill e piccole meduse.

Nulla di tecnologico nella ricerca: solo tanta esperienza e una buona dose di pazienza; poi, quando "il re" è finalmente vicino e tranquillo ci si può calare in acqua ed osservarlo da vicino con pinne, maschera e tubo. L'unico divieto è quello di toccarlo, aggrapparvisi o scattare foto con il flash. E poi solo qualche consiglio: mai porsi di fronte a lui, mai movimenti bruschi nè tentativi di inseguimento; sarà la sua curiosità che lo porterà in indimenticabili faccia a faccia con voi. Certo, prima dell’approccio definitivo i tentativi si susseguono durante la sua ricerca ma non fanno che aumentare un sano stress, dato di attesa, falsi avvistamenti (anche se a volte il tentativo vale una Manta o uno stormo di Mobule, se non qualche pesce vela di passaggio) e grida di emozione per una pinna intravista, all’inseguimento di stormi di bonito e sardine, uccelli in picchiata (mangianze) che rendono l’acqua effervescente. Che dire: il provare vale ogni commento: per intuire cosa vi attende basta chiedere a chi già ci ha fatto visita in precedenza durante questo periodo tanto propizio (non mancano avvistamento in tutto l’arco dell’anno). Lo squalo balena ha già confermato il periodico appuntamento con Aqua Diving: e voi?